AUTO MOTO STORICHE

Ma quando un'auto può definirsi storica? Sono considerati storici, e quind iscrivibili all'ASI, tutti i veicoli a motore che abbiano compiuto vent'anni dalla data di costruzione o di prima immatricolazione, e che siano ancora attivi e funzionanti. Ulteriori requisiti sono l'autenticità e l'originalità di ogni componente della vettura. Altra cosa sono invece le auto d'epoca (anche se molti spesso le confondono con le storiche, sbagliando), categoria che comprende i veicoli cancellati dal PRA e destinati alla conservazione in musei o locali pubblici e privati, non idonei alla circolazione se non in apposite manifestazioni o raduni autorizzati. 

L'Automotoclub Storico Italiano è infatti composto da 281 club federati e 46 club aderenti che coprono l'intero territorio nazionale (l'elenco completo con gli indirizzi si trova sul sito ufficiale).

Nel 2019 l'iscrizione all'ASI costa 41,32 euro, più la quota da versare al club. Per regolamento la somma tra la quota ASI e quella del club deve avere un importo minimo di 100 euro. L'iscrizione va poi rinnovata ogni anno. Ovviamente l'accettazione della domanda è subordinata al rispetto dei requisiti richiesti, comprovati dalla presentazione di alcuni documenti (in particolare il libretto di circolazione) corredati da varie foto della vettura che ne attestino l'ottimo stato di conservazione.

Martino Broker affilitao al Camec puoi iscrivere il tuo Gioiello storico 

compila il modulo per richesta info 


In caso di esito positivo l'ASI, oltre a inserire il veicolo nel pubblico registro delle auto storiche, provvede a rilasciare il Certificato d'Identità (è il documento di riconoscimento del veicolo), il Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica (necessario per la circolazione su strada), la Carta d'identità FIVA (simile al certificato d'identità ma con maggiori specificità e riservato alle auto che abbiano compiuto almeno trent'anni dalla data di costruzione) e, solo per i ciclomotori, la Carta ASI di Storicità.

Come detto, i veicoli iscritti all'ASI, oggi più di 45 mila, usufruiscono di benefici fiscali e facilitazioni per la circolazione. In particolare possono ottenere l'esenzione totale o parziale dalla tassa di possesso (bollo auto), la re-immatricolazione del mezzo e polizze RC auto agevolate mediante convenzione. Hanno inoltre accesso a tutte le manifestazioni, i raduni e i concorsi organizzati o patrocinati dall'ASI.