il Personal Trainer Caputo Giovanni Caputo della famosa Palestra "Art Fit Wellness Lab" per la sua auto ha preferito la consulenza di MARTINO Broker
il Personal Trainer Caputo Giovanni Caputo della famosa Palestra "Art Fit Wellness Lab" per la sua auto ha preferito la consulenza di MARTINO Broker

Rc Auto, rivoluzione classe unica: cosa cambia nel 2020
"
  1. slitta al 16 febbraio l'entrata in vigore della norma dedicata alla cosiddetta "rc auto familiare" che potrebbe portare risparmi consistenti (fino al 30%) per le famiglie che hanno più di un veicolo assicurato.
  2. La misura, contenuta nella legge di bilancio 2020, doveva scattare dall'inizio del prossimo anno ma secondo l'agenzia AdnKronos, che ha potuto visionare l'ultima versione del decreto legge milleproroghe, si è deciso di far partire tutto da metà febbraio. Alla base della decisione, si legge nella relazione illustrativa, c'è la presa d'atto che ''il processo di vendita delle polizze assicurative, nei suoi vari canali (presso gli intermediari o agenti e su Internet delle compagnie online) avviene in modalità totalmente informatizzata, sulla base di sistemi software estremamente complessi e soggetti a tempi di riprogettazione, sviluppo, crash test e certificazione finale'' e di conseguenza ''si rende necessario prevedere un tempo minimo di adeguamento tecnologico dei sistemi di tariffazione ed emissione polizze''.
  3. "


 

Per calcolare il tuo preventivo personalizzato ti basta inserire la targa dell'auto, la data di nascita del proprietario, un indirizzo e-mail o un numero di cellulare. Se la quotazione ti soddisfa puoi acquistarla pagando anche in comode rate . 

In pratica, per una famiglia con due auto intestate ai genitori, entrambi in prima classe di merito, e due scooter assicurati in quattordicesima classe, il costo totale sarebbe pari a oltre 1.430 euro l'anno. Con la normativa vigente, non è possibile traferire la classe di merito dall'auto ad un veicolo a due ruote quindi, anche se in prima classe di merito, i genitori che assicurano per la prima volta uno scooter o una moto devono partire dalla quattordicesima classe. Con la nuova norma, invece, la classe di merito maturata sull'auto passerebbe anche alle due ruote con un risparmio, per la nostra famiglia milanese, di circa 690 euro, vale a dire circa il 48% in meno rispetto a quanto pagherebbe oggi.

Stessa famiglia, città diversa; nel capoluogo toscano la media delle migliori tariffe disponibili  per assicurare un veicolo a quattro ruote in prima classe di merito è pari a 328,5 euro. Se si guarda alla migliore tariffa disponibile sul comparatore per assicurare un veicolo a due ruote di cilindrata 100cc, invece, il premio è pari a 142 euro se si è in prima classe di merito, ma schizza fino a 670 euro per chi è in quattordicesima classe.
Considerando una famiglia che assicura 2 auto in prima classe di merito e 2 scooter in classe 14, la spesa totale sostenuta sfiorerebbe addirittura i 2.000 euro. Con l'entrata in vigore della nuova norma, invece, la classe di merito dei due scooter passerebbe dalla quattordicesima alla prima, con un risparmio complessivo del 53%, vale a dire oltre 1.000 euro in meno.
"La media delle migliori tariffe disponibili - spiegano sempre il nuovo decreto Legge- per assicurare un veicolo a quattro ruote in prima classe di merito a Bologna è pari a 293 euro. Per uno scooter 100cc, invece, la miglior tariffa disponibile sul comparatore va da 145 euro per chi guida in prima classe di merito a 549 euro per chi è in quattordicesima. Secondo la simulazione, oggi una famiglia bolognese con 2 auto in prima classe di merito e 2 scooter in quattordicesima classe pagherebbe, complessivamente, quasi 1.690 euro. Con l'entrata in vigore della nuova norma, invece, il costo complessivo calerebbe del 48%, con un risparmio di circa 810 euro".


L'Ania, Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici, però contesta: "I proclami entusiastici con cui è stata accolta l'approvazione dell'emendamento rc auto sono una vittoria di Pirro".
"Quel che si legge, e cioè che con la nuova norma le famiglie italiane prenderanno 'finalmente una boccata d'ossigeno', potendo contare su un forte risparmio sul premio della rc auto, non corrisponde a realtà. Al contrario, questa disposizione, se definitivamente approvata, condurrebbe a conseguenze davvero distorsive per la sostenibilità del sistema assicurativo della rc auto, a danno di tutti gli utenti.
L'emendamento approvato - al di là di alcune incongruenze applicative poste dalla stessa formulazione del testo - prevede un'estensione della disciplina sulla classe di merito più favorevole dei componenti della famiglia anche nel caso di "rinnovo" della polizza rc auto per veicoli già di proprietà e a qualunque categoria essi appartengano".